Ripartiamo col piede giusto!

Buongiorno a tutti e buon lunedì! Finalmente riparte la pubblicazione di contenuti di DeltaScience, e noi siamo più entusiasti che mai! La concomitanza della ripresa delle nostre attività con l’inizio delle lezioni scolastiche e universitarie ci ha fornito uno spunto interessante per la realizzazione di una serie di contenuti rivolti proprio agli studenti… ma senza mai dimenticare che, come ormai sanno i nostri amici più fedeli, la nostra visione dell’apprendimento e della conoscenza sono trasferibili a qualsiasi campo, a qualsiasi oggetto di studio e soprattutto a qualsiasi fascia di età e livello di conoscenza. Così, anche se i contenuti che andremo ad introdurre tra poche righe sono realizzati pensando allo studente alle prese con i libri di fisica, storia, inglese o filosofia, nulla vieta ad un cinquantenne o ad una pensionata (sappiamo che ci siete, e scriviamo anche per voi!) di applicarle per capire finalmente come potare il ciliegio in giardino o mettersi di buona lena a leggere il libretto di uso e manutenzione della caldaia appena installata senza dimenticare quasi tutto il giorno successivo.

Passiamo dunque ai fatti: dopo la Rubrica del weekend dedicata all’Agenda 2030 e “Biblioperfect”, la raccolta di guide-lampo sugli stili bibliografici – che a breve verranno pubblicate in un’unica grande guida su queste pagine -, da sabato inizierà una nuova serie che ci accompagnerà per 10 o 11 settimane nel mondo dei metodi pratici di studio, snocciolando consigli e buone pratiche per rendere meno faticoso e più produttivo il processo di apprendimento di nuove informazioni. Non ti promettiamo formule magiche da ripetere finché il libro di storia scomparirà sotto i tuoi occhi, e nemmeno ti consiglieremo pratiche forse efficaci ma poco attraenti come dormire tenendo in sottofondo le registrazioni del docente che parla dell’Impero Austro-Ungarico; parleremo di cose semplici, piccoli gesti che possono davvero fare la differenza quando si tratta di concentrarsi e assorbire nuove conoscenze, comprenderle e fissarle solidamente in testa.
Innanzitutto, ti spiegheremo fin da subito perché domani non ricorderesti quasi nulla del manuale di uso e manutenzione della caldaia (a patto che tu non ne abbia mai letto uno in vita tua) o, analogamente, perché studiare tutto il programma a ridosso dell’interrogazione o dell’esame non sia un’idea particolarmente brillante: quando si tratta di memoria, a meno che tu non sia un fuoriclasse delle tecniche mnemoniche (quelle che utilizzano, ad esempio, le persone che sono in grado di ricordare file interminabili di numeri), il nostro cervello è come uno scolapasta… spesso con i buchi più grandi anche della pasta che ci versiamo! Una volta compreso come si comporta la memoria quando riceve informazioni sconosciute, vedremo che ripetere le nuove nozioni in particolari modalità può veramente fare la differenza e, non da ultimo, analizzeremo attentamente il dibattito tra gli amanti di carta e penna e chi invece preferisce i supporti digitali che vanno via via diffondendosi al giorno d’oggi. 

Cercheremo poi di capire quanto possa influire – positivamente o negativamente? – il multitasking, ovvero lo svolgimento simultaneo di più di una attività, quando stiamo cercando di apprendere una nuova nozione, anche con particolare attenzione ad una delle attività più piacevoli e comuni che vi si possano affiancare: ascoltare musica. Una volta constatato se sia un bene o meno affiancare altre attività alla studio, sposteremo l’attenzione su un altro tipo di variabilità, quella interna al processo di apprendimento, dimostrando quanto fondamentale sia sapersi muovere agevolmente tra argomenti e campi diversi, conservando una buona flessibilità cognitiva, se così possiamo chiamarla. 

Infine, affronteremo l’argomento cruciale del benessere psicofisico, il background personale che deve esserci affinché possiamo essere sotto tutti i punti di vista degli ottimi, prestanti e capienti contenitori (senza buchi!) per le informazioni che vogliamo – o dobbiamo – versarci in testa. 

Dunque, sei pronto per tuffarti in questo nuovo viaggio? Metti un promemoria per sabato, e inizialo con noi! E non è tutto… ci sono altre novità in arrivo: non pubblicheremo i contenuti della Rubrica del weekend soltanto su Instagram e nel solito formato… Non perderti l’appuntamento del fine settimana per scoprire di più!

Altra piccola novità: da oggi gli articoli sono scaricabili in pdf direttamente in fondo alla pagina. A breve aggiorneremo anche gli articoli pubblicati in precedenza e chiuderemo la sezione “Downloads” del sito.

Photo by Alejandro Luengo on Unsplash

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

Rispondi